Category

J’aime Manger

Category

Per chi stasera volesse atteggiarsi a chef del pianerottolo 🤣 e preparare una cenetta romantica propongo questa ricetta che ho preso da giallo zafferano. Vi consiglio di assaporarlo caldo per apprezzarne la cremosità ☺.

Ingredienti:

350 g riso carnaroli
200 g mascarpone
800 g brodo vegetale
q.b. sale fino
50 g Grana Padano DOP
50 g spumante
1 scalogno
6 g pepe rosa
50 g olio extra vergine d’oliva
q.b. timo

Procedimento:

Iniziate a preparare il brodo vegetale. Proseguite con il soffritto: versate l’olio di oliva in un pentolino, unitevi 5 g di pepe rosa e fatelo andare a fuoco dolce per circa 5 minuti cosicché l’olio si insaporisca bene. Trascorso questo tempo, filtrate l’olio con un colino e trasferitelo, privo delle bacche di pepe, nella pentola in cui farete il risotto. Tritate finemente la cipolla, aggiungetela all’olio e lasciate soffriggere a fuoco basso mescolando per non farla bruciare e fino ad ottenere una leggera doratura. A questo punto potete aggiungere il riso. Fatelo tostare mantenendo un fuoco dolce e mescolando con una spatola per un paio di minuti. Sfumate ora con il bicchiere di spumante e successivamente iniziate ad aggiungere il brodo, incorporandone poco alla volta per cuocere il riso: ci vorranno circa 20 minuti. Potete ora aggiungere il timo e aggiustare di sale. Quando mancheranno circa 5 minuti per terminare la cottura, potete aggiungere al risotto il mascarpone e mantecarlo per amalgamare bene gli ingredienti. Spegnete ora il fuoco e unite il Grana Padano grattugiato, mescolate e mantecare bene ancora qualche secondo. Impiattate il risotto decorandolo con le bacche di pepe rosa, le noci tostate al forno e il timo ☺🥂.

Bon appétit et bonne fin de semaine 🍒

Quando si dice: tutto il mondo è paese 🧡. La nostra cucina mediterranea ha sposato benissimo la tradizione mediorientale di questa morbidissima crema di ceci che è l’hummus. Praticamente i ceci schiacciati con la forchetta che le nostre nonne calabresi ci invogliavano a mangiare con tanto amore perché “i legumi fanno bene assai” 😁💗. La ricetta originale prevede l’utilizzo della salsa tahina realizzata con semi di sesamo bianchi leggermente tostati. Non avendoceli in dispensa ne ho preparato una versione easy abbinandoci dei cavoletti di Bruxelles al forno. Allora, se avete il tempo di mettere ammollo i ceci la sera prima e cucinarli al mattino tanto di cappello (che bontà) ma potete benissimo utilizzare i ceci in barattolo.

Ingredienti

300 g di ceci
1 spicchio d’aglio
80 g succo di limone
35 g di olio evo
q.b. sale fino
spezie a piacere per aromatizzare

Procedimento

Semplicemente frullare tutti gli ingredienti fino ad ottenere una crema morbida senza grumi (eventualmente aggiungere un po d’acqua). Aromatizzare a piacimento con le spezie che più amate. Per i cavoletti, sbollentarli precedentemente ed in forno con olio evo e spezie a 250° per 10 minuti.

Buon appetito🥂🍒

Ciao ragazze, cercavo una ricetta veloce per smaltire delle banane mature che avevo in casa. Una ricetta senza burro che non avevo in frigo. Da degna “parigina” croissants au beurre addicted non sono solita non utilizzare il burro nella preparazione dei dolci. Ma avete provato a fare una frolla con l’olio d’oliva ? Super 😋 Vi posto la ricetta di questi gustosi muffins banana e cioccolato via Martolina in cucina – blog giallo zafferano

Ingredienti per 12 muffins

• 3 banane molto molto molto mature
• 125 ml di olio di semi
• 225 g di farina
• 100 g di zucchero di canna
• 2 uova
• 3 cucchiai di cacao amaro
• 1 cucchiaino di bicarbonato

Procedimento

Schiacciate le banane con una forchetta, mettete la purea ottenuta in una ciotola, aggiungete l’olio, le uova e lo zucchero e lavorate il composto qualche minuto con le fruste elettriche.
A parte, mescolate la farina setacciata con il bicarbonato e il cacao e unite il tutto al composto di banane, mescolando con un cucchiaio lo stretto tempo necessario ad amalgamare tutto ma senza esagerare (altrimenti il risultato non sarà soffice come dovrebbe essere !).
Riempite degli stampini da muffin per ¾  e cuoceteli in forno caldo a 200° per 15-20 minuti (dipende dal vostro forno, fate sempre la prova stecchino alla fine).

Et voilà, à bientôt 🧁🍒

Mettiamola che io vi posto la ricetta semplice semplice ma voi la servite calda accompagnata da una bella pallina di gelato alla vaniglia 😋🤝🥧🍎.

Torta di mele Bimby

Ingredienti

• 4 mele renette
• 3 uova
• 300 g farina “0”
• la scorza e il succo di un limone
• 1 bustina di lievito per dolci
• 200 g di zucchero
• 80g di burro
• 100 g di latte
• sale

Procedimento

Sbucciamo le mele, eliminiamo i torsoli, le tagliamo prima a metà poi a fette. Le passiamo in una ciotola capiente spolverizzandole con un po’ di zucchero e il succo del limone. Nel frattempo ne grattugiamo la scorza. Immettiamo nel boccale del Bimby lo zucchero e il burro e avviamo a velocità 4 per 20 secondi. Aggiungiamo le uova, la farina, il lievito, la scorza del limone, il sale e infine il latte e facciamo frullare per altri 40 secondi. Versiamo l’impasto nella ciotola, giriamo brevemente le mele in modo che siano ben amalgamate. Imburriamo e infariniamo uno stampo grande da 26 cm e inforniamo a 170° per 45 minuti.

Buon appetito 🍒

“C’è una luce diversa nell’autunno. C’è una velleità di tregua, un bisogno di lasciare le folle estive e avvolgersi nei colori e nelle case”. L’autunno è la stagione della resa dei conti. Un pò come faceva la cicala con la formica. L’estate è andata e ci si ritrova a fare i conti con le proprie zucche 😄. E’ la stagione dei buoni propositi. Una sorta di primo dell’anno, solo un pò più croccante. Stamattina riflettevo sul senno di poi e sulle aspettative. Ogni esperienza vissuta ci regala un insegnamento ed ogni insegnamento, ogni giorno, ci regala la possibilità di andare oltre alle cose. L’autunno è un pò tutto questo. Una tisana calda, una coperta confortevole, un libro. E’ l’occasione di abbandonare le folle, appunto, e concentrarsi su se stessi. Senno di poi ed aspettative, dicevo. Il senno di poi ci proietta al futuro, alla luce del passato. E’ guardarsi indietro e proiettarsi in avanti con un insegnamento in più. Le aspettative. Cosa mi aspetto da me ? Cosa mi aspetto dagli altri ? Credo sia questo il punto. Crearsi delle aspettative sull’altro non fa altro che credere, erroneamente, che tutti abbiano la stessa visione del mondo. Non è cosi. In questo senso ho imparato a non aspettarmi quello che magari mi aspetterei se l’altro fosse me. Capito cosa voglio dire ? 😄 Ognuno è se stesso. Ognuno ha il suo modo di dare. Di sentire. Io credo che il cuore non menta mai. Credo nella verità del sentire sincero. Nei gesti del cuore, disinteressati. In una parola, in un abbraccio. Per esempio, in questa foto abbraccio una zucca 😁. Per me l’autunno è il profumo dolce di una zucca, l’abbraccio di due castagne in un riccio. L’aria fresca di montagna. E’ una passeggiata in Sila, una focaccia al Semaforo. E’ una zuppa di legumi calda. Pane e foglie croccanti. E’ un albero di Natale che freme in una scatola 🎅🎄😁.  Caffè caldi al mattino. E’ la mia camicia a scacchi. Pigiami di pile che fanno capolino. Vellutate. Forni accesi. Come anticipato, la zucca è la key word delle mie ricettine autunnali del cuore. Impazzisco per le frittelle di zucca 😍. Quindi, rifornimento di zucche à gogo, che non mi annoiano mai 🌿🧡🎃.

Questi sono due piatti che ho preparato recentemente 🍽🥘, aspetto di leggere le vostre ricette 😊🧡.

Mezze maniche alla zucca, pancetta e stracchino
Riso venere alla zucca

🍒❤

Una torta al cioccolato è sempre la risposta esatta 😋🥧❤ ed il Bimby un amico fedele 😁.
Condivido con voi la ricetta, accendete i fornii !!

Torta super soffice al cioccolato Bimby

Ingredienti

  • 250 g di farina 00
  • 50 g di cacao amaro in polvere
  • 200 g di zucchero semolato
  • 200 ml di latte
  • 150 g di burro
  • 3 uova
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 bustina di lievito per dolci

Procedimento

*Iniziare la preparazione inserendo lo zucchero e le uova nel boccale. Lavorare 20 Sec. Vel 5.
*Aggiungere il burro ammorbidito e amalgamare 30 Sec. Vel 4.
*Successivamente unire al composto, la farina, il lievito, la vanillina, il cacao amaro e il latte. Lavorare per 1 Min. Vel 4.
*Infarinare ed imburrare uno stampo.
*Versare il composto all’interno dello stampo.
*Infornare in forno preriscaldato, in modalità statico, per 35 Min a 180° .
*Una volta ultimata la cottura, lasciare intiepidire prima di estrarre la torta dallo stampo e capovolgerla in un piatto da portata.
*Decorare la torta, a piacere, con dello zucchero a velo, cacao amaro o glassa al cioccolato.

Et voilà 💞🍒

 

Puntualmente mio padre mi delizia con i suoi panari . Cestini pieni di amore a Km0. Le meraviglie variano, in base alla stagione ed i fiori non mancano mai. Fiori all’occhiello della vita, che fanno sempre festa. Io preparo i miei vasetti in vetro, ci metto dentro questi fiori colorati, avvolgendoli con fiocchetti in juta o nastrini. E la cucina si illumina. Non mancano mai nemmeno la menta, il rosmarino, l’origano, tanto tanto basilico profumato. Tutti quegli odori che impreziosiscono i piatti e gli danno personalità. Ma quanta personalità ha una fetta di pane croccante, con pomodoro, olio evo e basilico ? Una tra le mie coccole gastronomiche estive preferite. E poi, visto che siamo in Calabria, non ci facciamo mancare sua maestà il peperoncino 😊🌶🌿.

Come dicevo, in base alla stagione, variano le meraviglie. A breve torneranno le zucche, sono emozionata 😍🎃. Ultimamente invece dominano i fichi. Ne avevo tanti, ma talmente tanti che ho dovuto farmi venire in mente un’idea. Sperimentando, tra una poppata e l’altra, ho preparato una marmellata ed una crostata  😊🥧✨.
La ricetta della marmellata di fichi è semplicissima. Bastano pochissimi ingredienti et voilà. Io ho utilizzato quella del Bimby. La condivido con voi.

Ricetta Marmellata di fichi

* 800 g di fichi
* 400 g di zucchero
* 2 limoni non trattati

Preparazione

Sbuccia 800 g di fichi e mettili nel boccale insieme a 400 g di zucchero e al succo di 2 limoni.
Cuoci 40 Min. 100° Vel. 2 e poi frulla 1 Min. Vel. 8.

Otterrete una profumata marmellata, versatile. Proponetela ai vostri amici in abbinamenti dolci e salati. Io l’ho abbinata ad una mozzarella di bufala. Ma se avete un buon pecorino fresco, Yuhm, il top. E per concludere in bellezza, una crostata, dal nome: Cari fichi ci vediamo la prossima estate 😅😹.
Per la crostata ho utilizzato un ingrediente speciale: il bergamotto. Agrume pregiato calabrese, noto per le sue innumerevoli proprietà benefiche. Ricco di vitamina A, vitamina C, vitamine del gruppo B e principi attivi che aiutano a ridurre il colesterolo. Sapete che l’olio essenziale di bergamotto viene utilizzato in profumeria per il suo aroma inebriante ? Anche l’acqua di colonia del mio piccino contiene miele di fiori di bergamotto 💖😊. Per la preparazione della crostata ho utilizzato delle scorzette di bergamotto delizie di calabria 😋. Le ho polverizzate per aromatizzare la pasta frolla. Fichi freschi, scorzette e menta per decorare. Il tutto sotto una pioggia di zucchero a velo. Provateci 😊💞. Ora subito a nanna, buonanotte ✨🍒.

Oggi vi propongo un piatto fresco e facilissimo per quest’estate ormai alle porte: un’insalata di Nerone.
Un riso integrale e profumatissimo coltivato in Calabria, nella piana di Sibari.
Amico dei nostri pranzetti estivi, anche fuori porta, per picnic en plein air.

Io lo utilizzo per realizzare diverse ricette o come accompagnamento a piatti a base di pesce, carne o verdure grigliate.
La versione di oggi è a base di pomodorini pachino, rucola, peperoncino, aneto ed olio EVO.
Lasciare raffreddare il riso prima di condirlo e conservare in frigo prima di gustarlo !!

Bon appétit 😁🥗 .

Amo la cucina tradizionale, le ricette della nonna, quei piatti che si tramandano sulle tavole da generazioni in generazione. Piatti che non sono semplicemente piatti ma petites madeleines di sapori unici ed indimenticabili. Sapori che sanno di casa, di famiglia, di amore. Mi piace però anche sperimentare. Cimentarmi in nuove ricette, gustose e sfiziose. Cosa vi viene in mente se vi dico legumi ? Ricordo le mie espressioni di bambina e quelle dei miei fratelli quando la mamma ci presentava a tavola un bel piatto di legumi fumanti. “Mangiateli, vi fanno bene” !! Non c’era modo di convincerci. Oggi invece li adoro, in tutte le salse. Zuppe tradizionali, vellutate, insalate, pasta e farine. Si, avete capito bene ! Ho sperimentato tante ricettine utilizzando della pasta di legumi ottenuta dall’unione di acqua e farina di legumi secchi macinati. Una gustosa alternativa alla solita pasta di semola. Ricca di fibre e proteine, prefetta per i vegetariani, i vegani ed i celiaci, in quanto priva di glutine.

Vi propongo qualche idea, facile da preparare:

Maccheroncini di farina di ceci, fiori di zucca, cipolla rossa di tropea e curcuma
Fusilli di farina di piselli, pesto di peperoni gialli e pomodorini
Maccheroncini di piselli, salvia, menta, rucola, cipolla rossa di tropea e pomodorini
Vellutata di carote, ceci croccanti aromatizzati in forno con peperoncino, cannella, curcuma, timo ed olio evo e crema di soia.

“Socca”, street food croccante a base di farina di ceci.  La Socca è un piatto tipico della Francia meridionale, si trova soprattutto in Costa Azzurra. In Toscana la ritroviamo col nome di farinata. Io vi propongo due versioni. Una più classica al profumo di rosmarino e l’altra, versione “summer”,  più colorata, con pomodorini e rucola 😊🍅🌿🌶☀ !!

Sperimentate e fatemi sapere 😊😘